7.9.2009 - Luciano Chiaradia

L'organizzazione distribuita di Wikipedia

Il successo di Wikipedia è certamente legato alle efficaci regole di organizzazione e funzionamento della rete di collaboratori, ma non solo...
Jimmy Wales, il fondatore di Wikipedia, a chi gli chiedeva perchè tanti utenti, senza ricevere alcun compenso, fossero costantemente attivi nella creazione dei contenuti dell’ormai immensa enciclopedia online rispondeva: “Perchè la gente gioca a calcio? Perchè è divertente ed è un’attività sociale”.

La ricerca collaborativa e la “wikinomics” sono argomenti ai quali dedichiamo in questo nostro blog molto spazio attraverso approfondimenti, casi di successo ed esperienze sperimentali.

Wikipedia rappresenta sicuramente il caso di successo per eccellenza del fenomeno collaborativo generato dal web 2.0.

Spesso ci si chiede: ma quanto sono complete e affidabili le voci di Wikipedia? Basta provare, procedendo eventualmente con alcune ricerche mirate, inerenti temi da noi ben conosciuti.

Bene , ci si accorge che in Wikipedia le informazioni sono precise, consolidate e soprattutto aggiornate, quasi in tempo reale; in caso poi di informazioni mancanti si può proporre la integrazione del contenuto.

E’ una questione di organizzazione (di ruoli e gerarchie , di criteri di pubblicazione) e controllo della qualità dei contenuti.

Questo avviene per Wikipedia e per tutte le iniziative 2.0 di successo (ci riferiamo a casi reali di successo).

Del resto siamo tutti consapevoli che in internet non bastano le intuizioni e le idee geniali e che il successo di una iniziativa wiki richiede sempre un mix vincente tra persone (copy e autori, redattori e controllori) e sistemi di gestione ( piattaforma di gestione di contenuti wiki).

La semplicità di accesso e di ricerca (chi non ha tra i bookmark il collegamento all’enciclopedia libera?) inoltre ha reso Wikipedia uno dei siti più consultati e ha relegato i volumi delle nostre vecchie enciclopedie a veri e propri oggetti di arredamento (e questo dispiace, soprattutto a noi quarantenni “non nativi digitali” seppur “migranti”).

Non sappiamo se la consultazione a Wikipedia sarà un giorno a pagamento , non credo (almeno per il momento) se non altro per via della spinta collaborativa diffusa che ne accresce e perfeziona le voci in maniera ormai esponenziale e poi in virtù del nobile principio del “diritto all’istruzione per tutti”.

LEAVE A MESSAGE